autoproduzione di latte di soya e crocchette golose

6soyaIn settimana, il calo delle temperature previsto, mi ha incoraggiato a rimettermi in cucina per preparare il latte di soya e provare una ricetta di Lisa Casali che mi ha molto incuriosita, realizzata con un sottoprodotto che viene a formarsi durante la lavorazione che ha nome OKARA. Così, giovedì sera, ho messo in ammollo la soya gialla bio, 300 g., che avevo in dispensa. 4soya ammollataVenerdì mattina, trascorse le 24 ore mi sono messa al lavoro. Ho aspettato che arrivasse la mia piccola aiutante che con la sua solita curiosità ha riempito la cucina d’allegria. Lavata la soya sotto il getto d’acqua corrente, ho cominciato a scaldare l’acqua in un pentolone, 3 litri,  – mi raccomando deve essere molto grande se usate queste quantità. La soya è stata frullata con l’aiuto del robot storico della mia cucina che mi permette di aggiungere un po’ d’acqua calda a filo. Gaia, come sempre, si diverte a vedere le trasformazioni all’interno del contenitore, e si raccomanda: – Nonna, stai attenta alle lame, che tagliano!- Poi, abbiamo travasato la crema nel pentolone e l’abbiamo fatta bollire, continuando a mescolare per 15 minuti. Quando ha cominciato a bollire, 9soya frullatail liquido tendeva a uscire dal pentolone e così la mia aiutante si è ricordata di una storia che avevamo letto tempo fa, in cui si racconta di un pentolino magico che produceva polenta e di una vecchia che non si ricordava più le parole per farlo smettere. Così la polenta traboccava dal pentolino, riempiva la casa, usciva dalle finestre e dalla porta e ricopriva tutto il paese. Solo quando la figlia pronuncia le parole per fermare il pentolino, i contadini posso rientrare a casa mangiando la polenta che aveva ricoperto tutti i sentieri. Abbiamo riso all’idea di avere una casa piena di latte di soya! Gaia si è impossessata del mio quaderno di appunti di cucina e leggendo, con tanto di dito puntato sulla riga, mi dava istruzioni su cosa fare se la nonna faceva un disastro. – Qui c’è scritto:… non è grave, se la nonna versa tutto il latte per terra!- – Tempo scaduto, nonna. Suona la Marimba!- gaia legge ricetta1Per fortuna che di pentoloni ne ho due! Sopra al secondo, sistemo uno scolapasta rivestito di una tela di lino, ah quei vecchi asciugapiatti della nonnabis!! Fermato il tutto con delle mollette, si comincia a filtrare. Gaia è sorpresa di questo gioco che ricorda quello che si fa sulla spiaggia con secchielli, setacci. Fatto! Abbiamo il nostro latte di soya nel pentolone e la nostra okara nel lino! – Assaggiamo nonna?- Due bicchieri: uno per me al naturale, uno per lei dolcificato un poco con il succo d’agave e appena colorato con una puntina di cacao amaro. – Buonissimo!- Le piace e se lo beve gustandoselo. – La prossima volta lo voglio senza cacao.- mi dice dopo che ha assaggiato il mio. bicchier soya3È tardi, non abbiamo tempo per fare le crocchette assieme, vogliamo uscire un po’ a fare la nostra passeggiata. Le crocchette le preparerò questa sera, mi spiace solo che non possa assaggiarle. Penserò
come fargliele avere. Quando a sera il papà di Gaia è venuta a prenderla, lei ha
voluto la sua bottiglietta di latte di soya da portare a casa. 🙂

crocchette di okara indian style

Questa è la parte che mi ha incuriosita della ricetta di Lisa, crocchette fatte con l’okara nello stile del recupero di cucina a cui si dedica. La farina di ceci utilizzata nella ricetta mi ha fatto pensare a una variante indian style così, al posto dell’erba okara4cipollina e della menta, ho utilizzato il coriandolo fresco e le foglie di curry fresche che ho nel congelatore pronte all’uso. Il peperoncino l’ho sostituito con la paprika. Il guaio è che le crocchette sono venute buonissime e mi sono ritrovata a fare uno spuntino in tarda sera! Le crocchette sono pericolose: una tira l’altra! Per questo vi suggerisco di avere qualcuno con voi che condivida il piatto! 😉

Ingredienti:

-500 g. di okara

-200 g. di farina di ceci + 2 cucchiai per la panaturagaia3

-1 cucchiaino di curcuma

-1/2 cucchiaino di paprika

-2 cucchiai di olio

-1 spicchio d’aglio

-una presa di coriandolo fresco

-4/5 foglie di curry fresche/congelate

-sale q.b.

-olio per friggere

Procedimento:

in una ciotola mescolate l’okara, la farina di ceci, il sale, le spezie e lo spicchio d’aglio tritato, le foglie di coriandolo e quelle di curry spezzettate. Mescolate fino a avere un composto omogeneo. Coprite, e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti. Trascorso questo tempo formate le crocchette con le mani e passatele velocemente nella farina di ceci. Friggetele in padella con un filo d’olio fino a quando saranno dorate su tutti i lati.

polpette okara20

broccolocarota expo

AGGIORNAMENTO 31 ottobre 2015

Ecco le informazioni nutrizionali del latte di soya:

expo latte di soya

e quelle per le crocchette di okara indian style:

expo crocchette okara indian style

Annunci

7 commenti

  1. Quest’estate potrei proprio provare con l’autoproduzione. Dalla tua descrizione sembra assai facile. Grazie!

Trackback

  1. il dentro e il fuori, il contenuto e il contenitore… | broccolo&carota
  2. autoproduzione: dalla soya all’okara di Natale | broccolo&carota
  3. okara polentina | broccolo&carota
  4. spadellata di radicchio, tofu e arancia. | broccolo&carota
  5. spadellata di radicchio, tofu e arancia | broccolo&carota

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Awesome Recipes from London Student, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

LACUCINADILUX

mangia bene!! vivrai meglio...

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

GasDelSito

gruppo di acquisto solidale

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

Le delizie di Feli

A tavola... con i "senza" - Vegan con gusto

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

Free Animals, Loved & Respected

There are no words to justify the extermination Animal

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Awesome Recipes from London Student, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

LACUCINADILUX

mangia bene!! vivrai meglio...

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

GasDelSito

gruppo di acquisto solidale

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

la tana del riccio

..with my own two hands..

Le delizie di Feli

A tavola... con i "senza" - Vegan con gusto

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

la balenavolante

ricette vegan, autoproduzione e libri

Parole Vegetali

cucina vegana per allergici e intolleranti

Salutiamoci

cucina vegana per allergici e intolleranti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: