quinoa con gambi di asparagi

Quella di oggi è una ricetta di recupero dei gambi degli asparagi, la parte più dura e legnosa. Ripartiamo dalla ricetta precedente insalata di farro con asparagi, fave, piselli dove i gambi sono stati cotti, frullati e, quelli avanzati, congelati. Pensando al loro utilizzo la mente è tornata indietro agli anni ’80, quando la mia mamma aveva una ricetta vincente: le penne con gli asparagi e la panna! In quei anni la cucina offriva ricette a base di panna: panna sulla pasta, sul pesce, sulla carne, e ovviamente sul dolce. La panna era di moda e la si metteva ovunque! Un classico era l’antipasto con il cocktail di gamberi, potevano seguire i tortellini panna e prosciutto, o panna e piselli o panna e wurstel (bleah!). Più di classe erano certamente le pennette vodka e salmone che ebbero sicuramente una lunga vita nei menù di certi ristoranti. Anche i risotti erano contaminati dal grasso latticino: risotto con i peperoni, risotto con le fragole. Per quanto riguarda i secondi piatti, uno che ancora qualcuno osa presentare è il filetto al pepe verde che allora galleggiava nella panna rosata. Ma tornando alla mamma, sapete come mi è facile divagare nel passato, ancora la vedo mentre lavora gli asparagi, dopo averli scottati, con il passaverdure per togliere tutti i filamenti. Gli asparagi erano rigorosamente surgelati, e sì, erano anche gli anni in cui i panna di soya2surgelati erano una vera conquista sociale! Come lo era il kiwi, che si trovava solo da alcuni ortolani-orefici e costava una vera fortuna (1 kiwi= 1000£), era il frutto esotico che arrivava con il suo bollino giallo direttamente dalla lontana Nuova Zelanda. Divago, divago… Con l’aggiunta di panna e di un tocchetto di burro, la mamma formava una salsa con cui condire la pasta, una abbondante grattata di formaggio grana concludeva la ricetta e faceva felice il papà!

Come è cambiata la cucina! La mia alimentazione si è rivoluzionata negli anni, un passo alla volta, una scelta dopo l’altra: le prime per salute, quella di mia figlia soprattutto, poi quelle per consapevolezza di sè e del mondo. Torniamo alla ricetta e rivoluzioniamo gli anni ‘80! Cambiamo il cereale o meglio scelgo un non-cereale: la quinoa. In questo momento ho bisogno di aumentare la mia quota proteica e la quinoa è perfetta! Diamole un sapore in cottura con l’aiuto della carota e della parte verde del cipollotto. Aggiungiamo le note di bosco della nocciola che ne rafforzano il sapore. E per finire un po’ di panna per legare, di soya, ovviamente, e fatta in casa. Per questa preparazione ho usato un po’ più di amido nella sua preparazione in modo di averla più densa, più anni ’80!

quinoa asparagi7

quinoa con gambi di asparagigambi asparagi

Ingredienti per una mamma e una figlia:
-120 g. di quinoa bio
-1 piccola carota bio
-la parte verde di un piccolo cipollotto bio
-100 g. di gambi di asparagi bio
-1 cucchiaio di panna di soya autoprodotta bio
-15 nocciole tostate bio
-sale marino integrale q.b.
Procedimento:
se come me avete surgelato i gambi degli asparagi dopo averli cotti e frullati, la prima cosa che dovete fare è scongelarli. Ovvio, è logico!! Lasceranno un po’ di liquido: vi consiglio di eliminarlo semplicemente passandoli in un colino. Laviamo la carota e il cipollotto che affettiamo in piccoli pezzi. Laviamo la quinoa, molto bene per eliminare la saponina, come ormai sapete. In un pentolino versiamo la quinoa e la mescoliamo per un minutino. Aggiungiamo l’acqua di cottura salata in proporzione di 1:2. Aggiungiamo il cipollotto e la carota, e cominciamo la cottura abbassando la fiamma, mescolando di tanto in tanto. Quando sarà cotta spegnete il fuoco, coprite e lasciatela gonfiare. Aggiungete i gambi di asparagi e la panna dolcemente. Terminate con le nocciole tagliate a pezzetti.

quinoa asparagi4

E voilà!

Buon sano appetito, che quello, per fortuna, non manca mai!

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Salutiamoci del mese di maggio,

siamo ospitati da Feli.

Mangiarbene

3 commenti

  1. Felicia

    Bellissima ricetta, mi piace come hai utilizzato la quinoa, gustosa e appagante. Grazie, la inserisco immediatamente, ti chiedo solo la cortesia di aggiungere bio agli ingredienti, so che spesso diamo per scontanto, io per prima.. 😦 e dimentico di specificare la provienza, ma ai fini della raccolta servirebbere la specifica. Ancora grazie, sei bravissima…. 🙂

    • Fatto! E grazie per il “bravissima”, detto da te mi emoziona un po’!
      😉

Trackback

  1. Asparagi – Un mese con salutiamoci | Le delizie di Feli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Flexitarian & Baking Recipes from Londoner, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: