papdi beans Punjabi style

papdi beans 13È tantissimo tempo che non vi racconto una ricetta indiana. Tranquilli non mi sono allontanata dal mio amore per quella cucina. Questa settimana al mercato ho trovato un legume che ha l’aspetto dellepapdi beans nostre taccole o piattoni ma è più corto e ha una forma curva. Si può dire che sia bicolore: da una parte è verde mentre l’altra ha sfumature violette. Come si chiama? Questo è il problema: come al solito, essendo di provenienza orientale ha nomi diversi per ogni paese. Indagando un po’ credo di essere arrivata al suo nome che dovrebbe essere: Uri (Bangladesh) / sheem and valor / surti papdi beans (India). Sono chiamati anche sword beans (fagioli spada, per la forma -più che una spada sembra una scimitarra-) o anche ‘lab lab’ or papdi beans 4‘hyacinth beans’ (fagioli giacinto, per il loro colore violetto). Questi legumi li avevo già incontrati nei miei giri indiani ma non li avevo mai assaggiati. Soddisfatta del mio acquisto ho trovato una ricetta Punjabi che faceva proprio per me. Il Punjab è una regione a cavallo tra l’India e il Pakistan. Letteralmente vuol dire “Terra dei cinque fiumi”, fiumi che sono affluenti dell’Indo.

papdi beans Punjabi styletavolozza spezie

Ingredienti:

-250 g. di papdi beans

-3 cucchiai di olio e.v.o.

-1 peperoncino verde

-1 pizzico di assafetida

-1 cucchiaio di pasta di aglio e zenzero -ginger garlic past-

-1 cucchiaino di curcumaginger garlic past1

-1 cucchiaino di semi di coriandolo

-1 peperoncino rosso

-sale marino integrale q.b.

-foglie di coriandolo fresco

Procedimento:

pulite i papdi beans tagliando loro le estremità e togliendo i filamenti. Tagliateli a pezzi, in due o tre pezzi a seconda della loro grandezza, con un taglio in diagonale. Lavateli accuratamente. In una teglia versate l’olio. A questo proposito, naturalmente, nella ricetta originale non era presente l’olio d’oliva, se preferite potete usare l’olio di sesamo. Aggiungete i semi di cumino e il peperoncino verde tagliato a pezzetti. Mescolate. Aggiungete l’assafetida e la pasta di aglio e zenzero. Più sotto trovate la ricetta per la sua preparazione. Mescolate. A questo punto unite i papdi beans. Mescolate, coprite e lasciate cuocere per circa 7-8 minuti. Aggiungete nell’ordine: la curcuma, i semi di coriandolo (vanno pestati con il mortaio), il peperoncino rosso tagliato a pezzi. Salate. Mescolate. Coprite di nuovo e lasciate cuocere ancora per qualche minuto. Togliete il coperchio e continuate la cottura allegramente, mescolando. Decorate il piatto con le foglie di coriandolo fresche.

papdi beans Punjabi style12

pasta di zenzero e aglio * ginger garlic past * 

Ingredienti:aglio zenzero1

-1 parte di aglio
-1 parte di radice di zenzero fresco

-olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

pulire l’aglio e lo zenzero e affettarli. Unirli nel mixer e aggiungere l’olio fino a formare una pasta. Potete conservare la pasta in vasetti ermetici in frigorifero o congelarla.

Questa pasta è molto usata per la preparazione di alcuni piatti indiani. Le donne indiane devono pulire tantissimo aglio per avere una buona scorta di questa pasta. L’aglio indiano è piccolo, chiuso in sé stesso ed è molto difficile e laborioso pulire gli spicchi dalla loro pellicina. Se avete un orto o semplicemente avete avuto tra le mani una testa d’aglio di quelle coltivate dal contadino sapete bene cosa voglio dire. Queste teste d’aglio sono ben diverse da quelle grosse che solitamente si trovano nei nostri mercati o supermercati così facili da mondare. Ora pensate che una brava cuoca indiana prepara la pasta d’aglio e zenzero per tutta la famiglia sbucciando 1-2 kg. di aglio, un vero lavoro di pazienza. Per quanto riguarda la proporzione tra aglio e zenzero le ricette indicano: 1 cup di aglio e 1 cup di zenzero. Naturalmente io ne ho preparato molto meno ma mantenendo la stessa proporzione. Per quanto riguarda la quantità d’olio dovete aggiungerlo a filo man mano che il mixer lavora. In alcune ricette è prevista l’aggiunta di aceto (di cocco) che io non ho usato. Interessante è una ricetta dove è stata aggiunta un po’ di curcuma che ha la capacità di conservare più a lungo la pasta. Ma anche questo non fa al caso mio, ne ho preparata poca e posso congelare la restante per una prossima volta. Assolutamente non aggiungete acqua alla preparazione!

papdi beans Punjabi style12

6 commenti

  1. Questi non li ho mai incontrati… me li tengo a mente da acquistare e provare se dovessi trovarli da qualche parte… come gusto come sono?

    • Ciao Daria, il gusto è simile ai nostri fagiolini e alle nostre taccole solo un po’ più legume.Non sono difficili da trovare ai mercati o negozi etnici.
      Buona ricerca papdi beans!

Trackback

  1. riso Basmati con spinaci | broccolo&carota
  2. risotto con i piselli 2 | broccolo&carota
  3. okra del curioso pauroso | broccolo&carota
  4. soba fusion soup | broccolo&carota

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

Artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

Artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Flexitarian & Baking Recipes from Londoner, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: