crostata Cappuccetto Rosso

Un dubbio mi assale… ma la crostata con i frutti di bosco ve l’ho già raccontata?

crostata al cioccolato e frutti di bosco8

C’era una volta Cappuccetto Rosso, una ragazzina soprannominata così dai compagni del liceo da quando vestiva una mantella con cappuccio rosso che la sua mamma le aveva confezionato dopo aver seguito un corso di taglio&cucito. Lei odiava quella mise che la faceva sentire ridicola davanti ai suoi compagni del liceo; ogni volta che usciva di casa, nascosta dal primo grande albero che costeggiava il sentiero, se la toglieva anche a costo di soffrire il freddo! La mamma soddisfatta di quel capolavoro abbandonò l’ago e il filo e cominciò a dedicarsi alla cucina che divenne la sua nuova passione. Fece un corso per imparare i segreti della pasticceria vegana ma rimase sempre una grande pasticciona.

Un giorno Cappuccetto Rosso s’innamorò di un bel ragazzo biondo che sembrava proprio un principe anche se nella storia il principe non c’entrava per nulla. Un altro uomo era protagonista: un orribile cacciatore avanti negli anni che aveva incontrato nel bosco e che subito l’aveva allertata sulla presenza del lupo cattivo. A lei il lupo era simpatico e quando lo incontrava giocava con lui a nascondino tra gli alberi. Il cacciatore invece le stava molto, molto antipatico e per di più aveva anche l’alito pesante. Così un giorno decise di mandarlo a quel paese e toglierselo una volta per tutte dalla sua storia.

La nonna di Cappuccetto Rosso abitava in fondo al bosco in una casetta che aveva acquistato per poter restare tranquilla e a distanza di sicurezza dai controlli della figlia che la voleva seduta sulla una poltrona a dondolo a sferruzzare. Così il pomeriggio poteva andare a ballare gli anni ’70 al centro ricreativo del villaggio lasciando la casetta libera a Cappuccetto Rosso che poteva segretamente incontrarsi con il suo amore. “El Pepp l’è on bell fioeu”, le diceva la nonna sorridendo e facendole l’occhiolino prima di uscire. Per la mamma la scusa era già pronta: andava a raccogliere i frutti del bosco che le servivano per le sue torte. Al ritorno il suo cesto era pieno di bontà: fragole, mirtilli e lamponi. E fu così che la mamma pasticciona cominciò una produzione di crostate ai frutti di bosco che la teneva impegnata tutti i pomeriggi in cucina. Le sue crostate erano così buone che gli abitanti del villaggio le chiedevano la ricetta ma lei, piuttosto che svelare i suoi segreti culinari, preparava felice a ciascuno una bella torta. Un giorno il cacciatore avanti negli anni la spiò e scoprì il suo segreto e per vendetta scrisse la ricetta sul muro della casa del sindaco. Il suo segreto fu così svelato e la mamma di Cappuccetto Rosso pianse e si disperò. Gli abitanti del villaggio cacciarono lo stupido cacciatore avanti negli anni che fuggì inseguito dalle donne e dai loro mattarelli. Tutti giurarono che mai avrebbero utilizzato quella ricetta.

crostata al cioccolato e frutti di bosco18

Un giorno mentre passavo da quel villaggio fotografai, convinta che fosse opera di un giovane writer, la casa del sindaco con ancora la ricetta della torta scritta sul muro.

E ora eccola qui:

crostata crema al cacao e frutti di bosco (1)

crostata crema al cacao e frutti di bosco

Procedimento:

setacciare la farina di farro e il lievito. Miscelare i liquidi con l’aiuto del mixer: sciroppo di riso e olio. unire la fase liquida a quella solida mescolando. In una teglia da forno stendere con l’aiuto della mano l’impasto che all’inizio risulterà difficile da compattare. Bucare con i rebbi di una forchetta e infornare a 180°C per circa 25 minuti. Nel frattempo avrete preparato la crema al cacao. In un pentolino versare una parte del latte di soya e aggiungete i semi di cardamomo e lo sciroppo di riso, mescolate. Unite il cacao setacciato e mescolate con l’aiuto di una frusta. Sciogliete a freddo la farina di riso nel latte di soya rimasto e poi versatelo nel pentolino. Continuate a mescolare, meglio con la frusta in modo che non si formino grumi. Piano, piano comincerà ad addensarsi. Spegnete e lasciate raffreddare. Lavate la frutta. Quando sia la base che la crema saranno fredde potrete assemblare la crostata. Decorate come più vi piace la torta con i frutti di bosco.

crostata al cioccolato e frutti di bosco20

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

ALL INDIAN FOODS UNDER ONE ROOF

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

ALL INDIAN FOODS UNDER ONE ROOF

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

LaCUCINAdiLUX

Il Crohn si può prevenire e sconfiggere

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

GasDelSito

gruppo di acquisto solidale

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: