trecce di farina di farro e tea matcha con fagioli adzuki

Questa ricetta è dello chef Ayaya Takashima di Peaceful Cuisine che da un po’ di tempo seguo. Per questa ricetta devo anche ringraziare l’amica Giuditta che mi ha donato i fagioli adzuki dolci che aveva acquistato in Giappone. Se è difficile reperirli potete usare dei normali fagioli adzuki dopo averli lessati, lo chef usa questi. Come sempre ho fatto delle variazioni sulla sua ricetta: i fagioli innanzitutto e la farina utilizzando quella di farro. Dove ho la possibilità preferisco non utilizzare quella di grano. Forse l’aspetto non è così invitante ma vi posso assicurare, mano sul cuore, che sono buonissime! Ci vuole un po’ di manualità per formare le trecce, le mie non sono bellissime ma la prossima volta andrà sicuramente meglio.

trecce di farro e tea matcha con fagioli adzuki

  • -300 g di farina di farro integrale
  • -7 g di lievito di birra
  • -1 cucchiaino di zucchero di canna
  • -1 cucchiaino di sale marino integrale
  • -170 g di acqua calda
  • -3 cucchiai di tea matcha
  • -6 cucchiai di fagioli adzuki

Procedimento:

sciogliere il lievito nell’acqua calda e aggiungere lo zucchero. Setacciare la farina e aggiungere il lievito. Impastare e formare una palla che farete riposare per almeno un’ora al caldo, coperta. Dividete in due pezzi la palla, ad una parte aggiungete il tea matcha e impastate. La palla deve essere di un bel verde, se necessario aggiungete ancora del tea. Impastate nuovamente anche l’altra palla, aggiungendo ad entrambe il sale. Lasciate riposare ancora. Ora queste due palle, una bianca e una verde, dovete dividerle a metà in modo da ricavare 2 palle bianche e 2 palle verdi. A partire da queste palle dove distendere 4 dischi delle stesse dimensioni e forma.

Ora dovete sovrapporli in questa maniera: iniziamo dal disco bianco e lo spalmiamo con i fagioli, poi quello verde e sopra un altro bianco di nuovo spalmato di fagioli terminate con in quarto disco verde. Adesso tagliate in 6 pezzi, ogni pezzo sarà una treccia. Ancora un passaggio: di ciascun pezzo dovete fare due tagli a partire da circa 1,5-2 cm fino alla fine. Si formeranno così le stringhe per formare la treccia. Non vi resta che, con delicatezza, intrecciare formando la treccia e fermandola chiudendola alla fine con una leggera pressione delle dita. Ultimo passaggio è infornare a 180°C per circa 30 minuti.

Spero di essere stata chiara, nel caso guardate qui il video di spiegazione.

Con i ritagli di pasta, nulla va sprecato, ho fatto dei semplici rotoli.

3 commenti

  1. Spettacolare… mi ha incuriosito NON poco😉👍

    • Eh, sì è una ricetta da provare! Amo sperimentare e assaggiare gusti nuovi. Ha il solo piccolo difetto: dà un po’ di dipendenza… Sappilo! Grazie della tua visita e dei tuoi puntuali commenti.

      • 😜👍

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food - TRAVEL and FOOD

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

Artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Postils

- loitering on odds and ends -

Vegani in Viaggio

Racconti di viaggio ed informazioni utili per chi ama viaggiare

Patrizia Vaier®️

Life Style Vivere e pensare cruelty free

la balenavolante

blog di cucina vegan

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

Discovering all Indian food - TRAVEL and FOOD

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

Artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: