insalata all’orientale

Fresca questa insalata! Da poco ho scoperto quanto è buono il coriandolo fresco unito alle foglie delle insalate. L’avete mai assaggiato? Mi piace un sacco quel suo sapore orientale che rende il tutto veramente speciale. Questa insalatona potete comporla a vostro gusto mettendo più o meno coriandolo. Il cetriolo ci offre tanti sali minerali e tanta acqua per idratarci. La parte proteica? Lo yogurt di soya! Avete problemi con lo yogurt? Sostituitela con un formaggio veg. Provatela è davvero molto buona.

insalatona orientale8

insalata all’orientale

Ingredienti:

  • -1 insalata ricciainsalatona orientale13
  • -1 insalata lattuga
  • -1/2 coriandolo fresco
  • -1 cetriolo
  • -5 olive verdi
  • -1 yogurt di soya
  • -sale marino integrale q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

lavate accuratamente le insalate e il coriandolo, con cura asciugateli. Sbucciate il cetriolo,  se è bio potete mangiarlo con la buccia ben lavata, tagliatelo a rondelle. In una terrina ponete le insalate, aggiungete il cetriolo e il coriandolo. Versate lo yogurt e terminate con le olive. Salate e condite con un filo d’olio.  

dav

 

Annunci

fusilli con farina di piselli e peperoni verdi

La pasta realizzata con la farina di legumi sta invadendo il mercato. Se prima era per pochi e poche aziende la proponevano ora è diventato molto più facile reperirla sopra gli scaffali dei supermercati. Potete trovare pasta in diversi formati realizzata con la farina di ceci oppure quella di lenticchie dal colore aranciato o quella di piselli di un bel colore verde. Leggete bene le etichette e verificate che sia tutta farina di legume e non una miscela. Importante è che l’acqua di cottura della pasta sia salata da fredda. Conoscete sicuramente quei peperoni verdi lunghi, un po’ amarognoli e per nulla piccanti: è proprio con questi che ho preparato il condimento per i miei fusilli verdi di farina di pisello. Vi ricordo che i peperoni appartengono alla famiglia delle Solanacea. 

dav

fusilli con farina di piselli e peperoni verdi:

Ingredienti per 2 persone:

  • -140 g di fusilli di farina di pisellodav
  • -5 peperoni verdi lunghi
  • -1 cipolla bianca
  • -1 cucchiaino di curcuma
  • -1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • -olio e.v.o. q.b.
  • -peperoncino rosso q.b.
  • -sale marino integrale q.b.

Procedimento:

lavate e pulite i peperoni togliendo loro i semi e tagliateli a pezzetti. Sbucciate la cipolla e tagliatela a fette sottili. In una padella versate l’olio e aggiungete la curcuma e la cannella quindi le cipolle. Mescolate e aggiungete i peperoni verdi. Salate e aggiungete, se vi è gradito, il peperoncino rosso piccante. Coprite e lasciate cuocere controllando che non si asciughi troppo. Cuocete la pasta seguendo i tempi di cottura sulla confezione ricordandovi di salare l’acqua da fredda. Scolate e versate i fusilli nella padella dove li lascerete saltare. Servire in allegria. 

dav

banana quasi split

Chi si ricorda la banana split? Non so se questo gelato è ancora al top della classifica delle coppe gelato come lo era negli anni della mia gioventù. Ricordo sere d’estate passate in gelateria seduti ai tavolini con gli amici del mare a gustarsi questa “coppa” gelato alla frutta che veniva servita in un piatto a forma di barchetta. La banana era l’ingrediente principale. L’ombrellino cinese svettava su tanta bontà, e di lui si faceva collezione e scambio tra noi ragazze. La ricetta di oggi è dello chef Simone Salvini. L’ho proposta alla mia mamma che è una grande golosa, e a lei è piaciuta e ora la ripropongo a voi. Quello che manca è il simpatico ombrellino cinese!

banana split4 (2)

banana quasi split

Ingredienti per due persone:

  • -2 banane equivalenti a 220 g di banana privata della buccia
  • -315 g di latte di cocco
  • -5 g di agar agar
  • -cacao amaro q.b.

Procedimento:

incidere la buccia delle banane su un lato in modo da poter toglier la polpa senza rompere la buccia che servirà da stampo.

Mettete le bucce in frigorifero, si anneriranno ma non vi preoccupate. Frullare le banane con il latte di cocco. In un pentolino versare il tutto e aggiungere l’agar agar. Mescolando cominciare a portare a bollore. Spegnere il fuoco, lasciar raffreddare un poco e versare il tutto nelle bucce. Riporre le banane così composte in congelatore fino al momento del consumo. Togliere delicatamente la buccia e posare il contenuto nel piatto. Decorare a pioggia con cacao amaro.

banana split11

insalata di rucola, avocado e cipollotto

Ancora un’insalatona. D’estate cosa c’è di meglio? Questa volta la quota proteica è costituita dall’avocado. Vi consiglio di condirla con tanto limone e poco olio in quanto l’avocado è già ricco di grassi. La chicca di questa insalata sono i cipollotti che vengono cotti in forno, sì lo so fa caldo… Ma cotti così sono veramente super.

insalata rucola avocado cipollotto al forno2

insalata di rucola, avocado e cipollotto

Ingredienti per due persone:

  • -2 mazzetti di rucolainsalata rucola avocado cipollotto al forno3
  • -1 avocado
  • -3 cipollotti
  • -uvetta sultanina q.b.
  • -succo di limone q.b.
  • -sale marino integrale q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

lavate la rucola e asciugatela, spezzettatela con le mani. Tagliate l’avocado in due, togliete il nocciolo e tagliate la polpa a cubetti, poi sfilate la buccia. Spremete il limone e versatelo sull’avocado in modo che non annerisca. Mettete in ammollo l’uvetta se è necessario. Lavate i cipollotti, avvolgeteli interi nella carta da forno e poi nella carta stagnola. Sistemateli in una teglia e fateli cuocere così per circa 30 minuti a 180°C. Passato il tempo toglieteli dall’involucro e tagliateli a tocchetti. Sistemate la rucola sul fondo del piatto,  aggiungete l’avocado e i cipollotti. Versate a pioggia l’uvetta ben strizzata. Aggiustate di sale e condite con olio e tanto succo di limone.

insalata rucola avocado cipollotto al forno5

insalata con melanzane grigliate e tofu

Insalatone vegan e l’importanza della quota proteica! Così si potrebbe intitolare questo post. A dire il vero di questo argomento ne abbiamo già parlato qui. Quando i vegan cercano nei ristoranti o nei bar le insalatone quella con la scritta “vegana” è preparata senza tenere in considerazione la parte proteica per cui non avrai il formaggio, non avrai il tonno, non avrai il pollo ma non avrai nulla che possa sostituirli!

dav

Questa insalatona è super: tanto gusto e tanta energia: la parte proteica è assolta dal tofu. Per realizzarla dovete preparare due marinature super! Siete pronti?

insalata con melanzane grigliate e tofu

Ingredienti:dav

  • -1 cespo di insalata lattuga riccia
  • -1 melanzana
  • -1 panetto di tofu
  • -coriandolo fresco q.b.
  • -basilico fresco q.b.
  • -prezzemolo fresco q.b.
  • -menta
  • -1 cucchiaio paprika dolce
  • -sale marino integrale q. b.
  • -peperoncino  a piacere
  • -6 noci
  • -olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

lavate l’insalata e asciugatela delicatamente. Lavate la melanzana e tagliatela a rondelle; cuocetela sulla piastra da entrambi i lati. Preparate una marinata per le melanzane mescolando nell’olio e.v.o. il coriandolo, il basilico e il prezzemolo. Salate e se vi piace aggiungete il peperoncino. Man mano che le melanzane saranno cotte mettetele in questa marinata. Preparate la marinata per il tofu: un poco d’olio e.v.o. aggiungete sale, e la paprika. Tagliate il tofu a pezzetti e immergetelo. Naturalmente sia per le melanzane che per il tofu più sarà il tempo di marinatura più saranno saporiti. Terminato di grigliare le melanzane vi dedicherete alla preparazione del tofu: potete usare la piastra in ghisa ma anche una padella antiaderente. Fate ben dorare i vostri cubetti da tutti i lati. Ora non vi resta che assemblare il tutto: fate uno strato di insalata aggiungete le melanzane tra le foglie, versate il tofu grigliato e unite i gherigli delle noci. 

dav

peperoni ripieni

Il peperone imbottito è una ricetta tipica napoletana. Anni fa incontrai una signora napoletana vegana -forse dovrei mettere il punto esclamativo dopo questa frase- anch’io rimasi sorpresa all’epoca. Era una signora simpaticissima che mi raccontava che quando andava a casa della madre questa le offriva sempre i peperoni imbottiti perché secondo lei potevano essere tranquillamente vegani in quanto contenevano una verdura, il peperone, appunto. Non solo, quando la figlia elencava gli ingredienti del ripieno, la madre sottolineava quanto il piatto fosse sano e quasi dietetico. Rideva con me mentre mi raccontava della sua vita difficile in famiglia, che poi è la difficoltà che abbiamo tutti noi vegani quando ci troviamo a tavola con gli onnivori.

peperoni verdi

Di questi peperoni ho pensato di farne una versione vegan riempiendoli con le lenticchie e altre verdure. Senza nulla togliere ai peperoni della tradizione napoletana devo dire che il piatto è gustoso e ha soddisfatto tutti i miei commensali. Certo, chiamarli “imbottiti” forse è troppo, meglio limitarmi a “ripieni”.

peperoni lenticchie6

peperoni imbottiti

Ingredienti :

  • -peperoni gialli, rossi, verdi 
  • -50 g di lenticchie per persona
  • -1 carota per persona
  • -sedano q.b. 
  • -alloro q.b.
  • -1/2 cipolla per persona
  • -curcuma q.b.
  • -sale marino integrale q.b.
  • -pepe nero q.b. o peperoncino rosso q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.
  • -farina di mais facoltativa

Procedimento:

nella pentola a pressione versate un poco d’olio e aggiungete una foglia di alloro, un cucchiaino di curcuma. Unite le carote, la cipolla e il sedano tagliati a pezzetti. Mescolate e lasciate insaporire. Aggiungete le lenticchie e versate l’acqua di cottura. Cuocete le lenticchie secondo le indicazioni che trovate sulla confezione. Sfiatate al termine e nel caso ci fosse ancora acqua fatela assorbire. Salate e pepate. Pulite i peperoni dividendoli a metà. Salateli aggiungete il ripieno preparato. Versate ancora un filo d’olio sopra e se volete potete usare la farina di mais per gratinare. Metteteli in forno a 220°C.

peperoni lenticchie1

 

crumble di verdure

Il crumble è un piatto della cucina inglese ed irlandese. In Germania esiste l’equivalente che si chiama streusel. Entrambe le parole significano: sbriciolare, sparpagliare. Pare che l’origine del crumble, relativamente recente, sia nata durante la seconda guerra mondiale dove a causa del razionamento dei viveri non c’erano tutti gli ingredienti necessari per fare una torta. Sono preparazione base sia per i dolci che per i salati. La versione originale è costituita da 3 ingredienti: burro, zucchero e farina. Non sono certo la prima a prepararne una versione vegana; quella che vi propongo oggi è la versione salata fatta con le verdure estive. Attenzione a chi è allergico/intollerante alle Solanaceae perché in questa ricetta ho utilizzato sia il peperone che la melanzana. Voi naturalmente potete variare le verdure a seconda del vostro gusto e della vostra alimentazione. Potete variare anche la miscela di semi o decidere di usarne solo un tipo. Ho scelto di usare la farina di grano saraceno perché oltre ad essere senza glutine è anche molto proteica. Naturalmente usando questa farina il crumble risulterà di colore marrone scuro poco piacevole da vedere e sicuramente penalizzato nella fotografia ma la bontà è assicurata.

crumble verdure24

crumble di verdure estive 

Ingredienti per il crumble per due persone:

  • -80 g di farina di grano saraceno
  • -15 g di semi di sesamodav
  • -15 g di semi di lino
  • -15 g di semi di canapa sativa
  • -15 g di semi di papavero
  • -1 cucchiaino di timo essiccato
  • -1 cucchiaino di assafetida
  • (potete usare dell’aglio secco in polvere)
  • -sale marino integrale q.b.
  • -pepe nero q.b.
  • -5 -6 cucchiai di olio e.v.o. 

Procedimento:

dovete miscelare il secco e poi aggiungere l’olio lasciando che si impasti il tutto formando dei grumi piccoli, medi, grossi.

Ingredienti per le verdure:

  • -1/2 melanzana
  • -1 peperone giallocrumble verdure16
  • -1/2 cipolla di Tropea
  • -1 zucchina
  • -1 carota
  • -sale marino integrale q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

lavate e mondate le verdure. Affettate la cipolla sottile e tagliate le altre verdure a cubetti. Versate l’olio in una pentola e unite la cipolla e la carota. Poi aggiungete le melanzane. Salate e coprite e lasciate cuocere fino a che la melanzana comincia a imbrunirsi. Aggiungete quindi la zucchina e successivamente il peperone. Aggiustate di sale e verificate che non si asciughi troppo, nel caso aggiungete un po’ d’acqua calda. Quando tutte le verdure saranno pronte, le zucchine e i peperoni meglio se rimangono al dente, versate il contenuto della padella in una tortiera. Sopra andrete a sbriciolare il vostro crumble. Mettete in forno per circa 25-30 minuti a 180°C.

dav

 

crema di piselli con barbabietole e pere

Tempo fa un noto supermercato ha pubblicato un opuscolo con relativo ricettario per  una campagna sull’importanza della frutta e della verdura nell’alimentazione. Subito sono andata a curiosare tra le ricette e ho trovato alcune ricette vegan. Quella di oggi è una di queste ricette, naturalmente ho interpretato il piatto. 

crema di piselli con barbabietole e pere alla griglia4

crema di piselli con barbabietole e pere

Ingredienti:

  • -150 g di piselli privati del baccellodav
  • -1 barbabietola già cotta
  • -2 pere Kaiser
  • -rosmarino q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.
  • -semi di papavero q.b.
  • -sale marino integrale q.b.
  • -pepe nero q.b.

Procedimento:

cuocere i piselli a vapore, poi frullarli con con l’aggiunta di un po’ d’olio. Lavare le pere e sbucciarle, tagliarle a spicchi rimuovendo il torsolo. Mettere le pere in una ciotola e condirle con olio e rosmarino, sale e pepe. Lasciare marinare per 30 minuti. Tagliare la barbabietola a rondelle. Grigliare le pere su una griglia antiaderente ben calda. versare nel fondo del piatto la passata di piselli, aggiungere le rondelle di barbabietola e gli spicchi di pera grigliati. Spolverizzare il tutto con semi di papavero. 

Cosa mi è piaciuto di questa ricetta? Mi hanno sorpreso le Kaiser grigliate e non lasciate marinare con la salvia bensì con il rosmarino. Questo è senz’altro un punto di forza della ricetta che vale la pena di ricordare per altre ricette future!

dav

So, che per alcuni la barbabietola è ancora un alimento ostile… ne abbiamo già parlato molte volte…

Hai voglia di farci amicizia? Per conoscerle meglio ecco alcune mie ricette:

Ti incuriosiscono le ricette di broccolo&carota con i piselli? Ecco qua:

risotto sbagliato

Due donne in cucina sono una rovina! E invece ne viene fuori un primo piatto gustoso.

E’ successo una sera a casa della nonnabis… lei dice che non ha mai niente in frigorifero che io possa mangiare (è il terrore di avere una figlia vegana!). Così è subito pronta a scendere all’ultimo minuto per fare una spesa espressa per me. “No, mamma. Vediamo cosa c’è in frigorifero e vedrai che ce la caviamo!”

Qualcosa c’era ed erano esattamente: 2 carote piccole, 1 scalogno (da quando mamma usa lo scalogno?), 2 gambi di sedano pronti per la minestra serale, prezzemolo. Il riso in casa della mamma non manca mai, non è mai mancato! Mio padre amava il riso più della pasta e da noi, milanesi doc, mangiavamo il riso quasi tutti i giorni!

Abbiamo pulito le verdure e le abbiamo tagliate a pezzi. Solo che io pensavo a un risotto e lei a una minestra! Lei ha messo nell’acqua salata le verdure e poi ci ha buttato il riso. Accidenti! Le verdure si sono cotte e nello stesso tempo hanno fatto anche il brodo. E’ bastato cuocere il riso, mescolandolo e lasciando asciugare il liquido. Alla fine di comune accordo abbiamo versato una bella manciata di prezzemolo e terminato con un filo d’olio.

Che ci crediate oppure no, il risultato è stato un buon risottino. Questo grazie anche all’ottimo riso Carnaroli, e ormai sapete a quale riso mi riferisco!

8risotto sbagliato

Risotto sbagliato

Ingredienti per due donne:

  • -2 carote piccole
  • -1 scalogno7risotto sbagliato
  • -2 gambi di sedano
  • -prezzemolo q.b.
  • -sale q.b.
  • -pepe nero q.b.
  • -olio e.v.o. q.b.

Procedimento:

Beh, che dire! Vi ho raccontato come sono andate le cose… se volete fare un risotto vero dovete procedere scaldando il riso in una padella con l’olio e aggiungere quindi le verdure. Mescolate e aggiungete acqua calda salata. All’ultimo unirete il prezzemolo e terminerete con un filo d’olio.

 

la mia crema Budwig

La colazione è il pasto che preferisco e di cui non posso fare a meno! Da sempre! Non ho mai saltato una colazione in vita mia, questo momento della giornata è per me sacro. Voglio fare colazione a ritmo lento anche a costo di puntare la sveglia prima. Se così non fosse la mia giornata partirebbe veramente male, è il mio momento coccola in cui entro nel mondo lentamente e con gusto.

dav

Quella che vi propongo oggi è la ricetta per la crema Budwig. Che cos’è? La crema Budwig è uno dei piatti più conosciuti del metodo Kousmine. La dottoressa Kousmine, un medico russo, preparò un regime alimentare che considerava l’uomo nella sua totalità e questo modo di alimentarsi -attenzione: non è scientificamente riconosciuto- migliorerebbe le difese immunitarie. Non voglio addentrarmi in questo non semplice discorso lascio a voi alcuni link dove potete informarvi: qui e qua. Certo è che questa colazione è buona e salutare, piena di energia per iniziare la giornata in leggerezza e con sprint. Naturalmente lo yogurt è di soya per mantenere la ricetta vegan. 

la mia crema Budwig

dav

Ingredienti:

  • -120 g di yogurt di soya
  • -mezza mela bio
  • -1+1/2 cucchiaio di semi di sesamo, girasole, semi di zucca macinati al mortaio
  • -1 cucchiaio di frutta secca noci, nocciole, mandorle
  • -1 cucchiaio di fiocchi di avena integrale, riso integrale, grano saraceno, miglio
  • -1/2 limone biodav

Procedimento:

versare lo yogurt nel bicchiere del mixer, aggiungere la mela lavata e tagliata a piccoli pezzi, il succo di limone e la buccia del limone tagliata. Frullare il tutto. Versare in una tazza e aggiungere i semi pestati con il mortaio o con un macina caffè meglio evitare il mixer perché riscalderebbe troppo i semi danneggiando i preziosi grassi in essi contenuti. Aggiungere il cereale a vostra scelta. Mescolare e gustare.

Per quanto riguarda i fiocchi e la frutta secca potete variarli a piacimento, è importante  che i semi ci siano tutti.                          dav

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

ALL INDIAN FOODS UNDER ONE ROOF

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Flexitarian & Baking Recipes from Londoner, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

Club del Giallo

Il blog degli amanti della letteratura gialla, noir e poliziesca

Best Indian Food Blog

ALL INDIAN FOODS UNDER ONE ROOF

Nel giardino di Rosita

Tutto quello che accade nel mio giardino e dintorni

The Plastic-Free Chef

Reducing Kitchen Waste

Shekkaballah's Suggestions

A simple and real life

Magie vegan di Chicca e non solo...

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo!

Chiedi alla nutrizionista

La vita non è vivere, ma vivere in benessere.

artnet News

cucina vegana per allergici e intolleranti

Diario di una cinica estetista

Vale tutto, purché sia intelligente.

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

conilsennodipoi

cucina vegana per allergici e intolleranti

Izy Hossack - Top With Cinnamon

Flexitarian & Baking Recipes from Londoner, Izy Hossack

La dispensa verde

Ritorno agli antichi saperi della cucina

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

LaCUCINAdiLUX

Il Crohn si può prevenire e sconfiggere

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

GasDelSito

gruppo di acquisto solidale

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free